Notizie Lampo
Home > Recensioni Cosmetici > Urban Decay Naked Ultimate Basics: Recensione
Naked Ultimate Basics

Urban Decay Naked Ultimate Basics: Recensione

Da qualche mese è uscita da Sephora la nuova palette occhi Urban Decay Naked Ultimate Basics, un aggiornamento delle vecchie Naked Basics ma in versione più grande e compatta. Io l’ho acquistata poco dopo Natale ed ho avuto modo di provarla molto in questi mesi, per potervi dare una mia opinione sincera ed onesta su questa palette. Tanti pro e qualche contro la caratterizzano, e vedremo di analizzare insieme ogni suo aspetto per vedere se questa palette fa o meno al caso vostro!

Naked Ultimate Basics

La nuova palette di Urban Decay si presenta in un packaging in plastica molto solido rifinito con un color dorato, con la scritta relativa alla palette in rilievo. Già da subito, rispetto alle altre due piccole palette Naked Basics (ed anche rispetto alle Naked normali), mi da l’impressione di essere molto più solida e più sicura, grazie alla chiusura magnetica. Ideale da portare in viaggio con sé, la palette Naked Ultimate Basics vanta un bellissimo ed ampio specchio, oltre che un pennello doppio per applicare e sfumare l’ombretto.

Rispetto alle altre tre Naked che possiedo, il packaging di questa palette Naked Ultimate Basics mi ha convinta molto di più: essendo quadrato e non rettangolare, lo specchio è molto più funzionale, ed inoltre è più comoda da trasportare. Il nome in rilievo poi, le dona un tocco davvero sofisticato ed elegante.

Passiamo ora agli ombretti che troviamo all’interno: sono presenti 12 colorazioni da 1.2 grammi ciascuna, di cui 11 completamente opache ed una, la prima, leggermente satinata. I colori, come si può vedere dalle foto, spaziano tra moltissimi nude, colori di transizione e colori intensi da utilizzare nella piega dell’occhio e all’angolo esterno.

Parlando di ombretti, dobbiamo parlare anche di qualche cosa che non mi è piaciuta di questa palette Naked Ultimate Basics, e che ho potuto notare solo dal momento in cui l’ho avuta fisicamente in mano. Il nome “Naked” chiaramente fa riferimento a colori nudi, dunque un make up sostanzialmente incentrato sulle labbra piuttosto che sugli occhi, un accenno di colore che fa quasi un effetto “vedo non vedo”. Il problema è che ci sono addirittura troppi ombretti chiari simili tra di loro.

Come si può vedere dalle foto, i primi quattro colori ed il primo colore della seconda riga sono davvero molto simili tra di loro, con una differenza di tonalità quasi minima ed impercettibile una volta applicato l’ombretto sulla palpebra. Avrei preferito magari due ombretti in meno, ma che fossero di gran lunga più differenziati tra di loro. Come se non bastasse, i colori chiari sono tutti piuttosto poco scriventi, necessitano di molte passate ed il risultato sull’occhio non si percepisce tantissimo. Chiaramente l’intento di questa palette era di poter sfruttare quanti più colori nude (anche chiari) per un look totalmente opaco, ma questo non significa cedere nella scrivenza.

L’unico colore che funge da punto luce, il primo in alto a sinistra, l’ho trovato anch’esso poco scrivente. Non è adatto per essere utilizzato da solo sulla palpebra mobile, necessita di un colore che sia più spinto per poter vibrare di più. Il colore che ho notato sia il meno scrivente tra tutti è il primo della seconda fila, a partire da sinistra. È il colore più giallo, indicato come punto luce opaco, però nella resa l’ho trovato davvero poco scrivente.

Tutto ciò non si può dire dei colori scuri sia a base fredda sia a base calda, dunque degli ultimi due della prima fila, e di tutta la seconda fila ad eccezione del primo ombretto giallo. I colori scuri sono davvero tanto scriventi, non macchiano e sono facili da stendere. L’unica cosa che non mi convince è questa discrepanza tra appunto colori chiari e colori scuri, che davvero non mi so spiegare, anche alla luce del prezzo cui questa palette viene venduta. I colori scuri non hanno davvero nessun difetto: scrivono bene, sono setosi, facilmente sfumabili e trovare degli ombretti del genere totalmente opachi non è sempre facile, soprattutto racchiusi in un’unica palette. Le tonalità scure inoltre sono molto particolari, troviamo un color mattone, un arancione scuro, vari marroni chiari, un bellissimo grigio ed un nero carbone.

I colori scuri della palette Naked Ultimate Basics li sto sfruttando praticamente ogni giorno, mentre per quanto riguarda i colori chiari, cerco di alternarli, anche se il risultato totale non cambia quasi mai, anche perché ho sempre bisogno di un ombretto illuminante a parte non disponibile in questa palette. In definitiva dunque, avrei preferito meno scelta di colori, un colore illuminante degno di questo nome, ed i colori chiari più scriventi: fatto questo, sarebbe davvero la palette nude definitiva.

Ma veniamo alla nota più dolente, ovvero il prezzo. Urban Decay ha aumentato proporzionalmente tutti i prezzi, a partire dalle piccole Naked Basics alle Naked 1, 2 e 3. Per questo motivo, la palette Urban Decay Naked Ultimate Basics la troviamo a ben 51€, sia sul sito di Urban Decay sia su Sephora. Io ho acquistato la palette grazie ad un buono regalo che ho ricevuto per il mio compleanno più uno sconto che c’era a Natale, che mi ha permesso di acquistarla praticamente a costo zero. Se avessi dovuto spendere 51€ così sull’unghia, forse ci avrei pensato due volte.

Nel complesso la nuova palette Naked Ultimate Basics è quasi del tutto completa, troviamo un ottimo specchio ed un pennello funzionale, una confezione davvero solida e pratica, a discapito però di una mancanza di colori chiari scriventi, e di un colore illuminante. Capisco la strategia messa in atto da Urban Decay di voler creare una palette totalmente opaca, ma non ci è pienamente riuscita. Spero tanto di essere riuscita a togliervi ogni dubbio qualora foste ancora interessati ad acquistarla!

A riguardo Francesca

Mi chiamo Francesca, vivo a Trieste ed ho 21 anni. Da qualche anno mi sono appassionata al mondo del Makeup e finalmente ho deciso di condividere con voi le mie conoscenze ed i miei esperimenti.

Guarda anche:

apiarium

Prodotti Corpo Apiarium: Recensione

Apiarium è un’azienda di cosmetica Made in Italy molto attenta ai propri clienti, che da …

kiko 3D hydra lipgloss

Kiko 3D Hydra Lipgloss: Recensione

I lipgloss sono dei prodotti che sono andati un po’ fuori moda rispetto agli anni …